Indirizzo email  (nuovo utente?)
Password  (dimenticata?)
RICERCHE
Politica
  Attualità
  Economia
  Lavoro
  Giovani
  Anziani
  Ambiente
  Etica
  Amore
  Religione
  Sport
 
PARTECIPA    (perchè?)
Nota metodologica
  Registrazione
  Newsletter
  Passaparola
  Segnala un tema
  Privacy
  Copyright
 

IN PRIMO PIANO
   
Destra e sinistra

Che distanza c'è oggi tra destra e sinistra?

   
Leadership

Le scelte del leader sono condivise? La frammentazione continuerà?

   
Il consenso

Come si può esprimere il proprio consenso o dissenso?

   
Politica?

Politica è scuola, sanità, fisco, oppure altro?

 
DOSSIER
   
I giovani

I giovani sostengono gli anziani o viceversa?

   
Pubblico e privato

Come assicurare il controllo produttivo e l'innovazione?

 
Home                Opinioni                Registrazione                Passaparola                MERITOCRAZIA
 
Aiutaci (min 1€) a sviluppare questo progetto
ALPrimoPosto e Meritocrazia

Cosa mettiamo noi esseri umani al primo posto in ogni nostro interesse, attività, relazioni, risultati, eccetera? Troppo facile, mettiamo senz'altro il nostro benessere e la nostra felicità. Naturalmente ci sta a cuore il benessere personale, ma sicuramente anche quello delle persone che ci circondano e della società in generale. Ci piace pensare che il benessere sia il risultato di un contributo equo di ogni persona, che fornirà il suo apporto in relazione alle sue competenze, all'ambiente e al coinvolgimento di cui sarà preda. Ma il contributo personale può crescere, può sempre crescere, in particolare quando la persona ne possa percepire un vantaggio immediato. Questo tipo di miglioramento, quindi, non solo è potenzialmente sempre presente, dato che le nostre capacità sono sempre sfruttate solo in parte, non solo è auspicabile, per ovvii motivi, ma può essere sviluppato, in qualsiasi ambito, familiare, lavorativo o associativo, attraverso stimoli opportuni.

Per ottenere il miglioramento tanto anelato, occorre cambiare le cose, dato che la stasi non porta naturalmente ad alcuna variazione e quindi tanto meno ad un miglioramento. Il cambiamento è quindi necessario. Sappiamo bene che ogni cambiamento porta con sè quasi sempre preoccupazioni, spesso qualche paura e a volte anche dolori, associati alle preoccupazioni e paure. Sono rari i casi di panico, fortunatamente, ma anche in quei casi si può intervenire per correggere il piano d'azione, fornire spiegazioni e formulare una strategia che permetta di superare gli ostacoli. Nell'ambito del miglioramento continuo il nostro compito è facilitato dal fatto che il cambiamento è richiesto, appunto, per migliorare le condizioni di vita e di lavoro, per cui è più facile superare ogni comprensibile scetticismo e resistenza iniziale. Inoltre, il cambiamento può essere realizzato con un piano graduale, in modo che il maggiore contributo richiesto a tutti sia ottenibile senza un eventuale o addirittura senza alcuno scompenso o effetto collaterale.

Come si è capito, è chiaramente opportuno che il cambiamento sia frutto di un preciso progetto. Il che si traduce, ovviamente, in un'attenta analisi della situazione, nell'individuazione delle cose da cambiare, nel motivare le persone a cambiare e nel realizzare, coi tempi giusti, un preciso piano d'azione. In ogni fase è poi opportuno coinvolgere, nei modi giusti, tutti gli attori che giocheranno i nuovi giochi, perchè siano, il più possibile, essi stessi promotori dei nuovi programmi. Se ci pensate, siamo tutti, in effetti, prede del coinvolgimento di familiari, datori di lavoro e istituzioni, ma anche di associazioni, amici o fedi religiose. A volte il coinvolgimento ci piace e a volte no. Ma spesso un coinvolgimento che ci sembra negativo è così solo perché sono sbagliate le modalità, dato che come esseri senzienti, non potremo mai produrre nulla di positivo senza il necessario coinvolgimento di altre persone e noi stessi nella comunità. Quindi, il coinvolgimento è un atto necessario e positivo.

Anche perché, poi, bisogna passare al fare. Non ci interessano, in linea di principio, i semplici buoni propositi. Il nostro non è un pensiero speranzoso che attende di essere realizzato da altre persone. Noi vogliamo cambiare, perché ci aspettiamo dei benefici, sappiamo che va fatto in un certo modo, sappiamo che potremo farlo solo in un determinato contesto, con il coinvolgimento di altre persone, ma sappiamo anche che non ce la faremo mai se noi stessi non siamo pronti a fare, fare meglio e fare subito quello che abbiamo programmato. I risultati che vogliamo ottenere sono molto concreti, così come saranno concreti i benefici che ne trarremo, e per questo siamo pronti a metterci in gioco. Chi ha qualche dubbio, d'altra parte, sarà spronato dal gruppo: ricordiamo, infatti, che la produzione del cambiamento è sempre condizionata dal contesto e dalle altre persone. Inoltre, fare le cose e fare cose nuove può essere anche un piacere di per sè; non sempre, ma spesso produce euforia e piacevoli sensazioni di capacità e autostima.

Naturalmente, il progetto deve assolutamente prevedere dei momenti di controllo. Ciò significa che le azioni messe in piedi devono condurre al raggiungimento di precisi obiettivi, stabiliti su parametri e standard ben definiti e assolutamente misurabili. E' molto semplice. Supponiamo di voler ridurre i costi di produzione, cioè i costi per unità prodotta. Se si vuole incentivare il personale a raggiungere una produttività maggiore, occorre sapere innanzitutto come misurare la produttività e poi come misurare i parametri che la influiscono, e soprattutto come misurare quei parametri che restano sotto il diretto controllo del personale coinvolto. Insomma, non bisogna fare l'errore di confondere il risultato finale con le diverse attività delle singole persone, perché altrimenti queste non capiranno quale sia il loro vero coinvolgimento nel programma. Si può però definire dei parametri e degli obiettivi di squadra. Anzi, quasi sempre gli obiettivi di squadra sono preferibili quando diverse persone hanno compiti simili, per il semplice motivo che queste persone avranno un motivo in più per influenzare positivamente gli atri e farsi influenzare in modo positivo.

Quasi sempre un programma di cambiamento e miglioramento ha bisogno di una fase di revisione del progetto. A volte la riprogettazione è evidentemente necessaria, altre volte è opportuna anche se non necessaria, e altre volte ancora è addirittura anelata, perché magari, come si dice, l'appetito vien mangiando! Insomma, cambiare il programma è una cosa normale; si tratta, in fin dei conti, di essere pronti a cambiare qualcosa in un programma che è un programma di cambiamento, appunto. Inoltre, un altro momento di revisione del progetto, sicuramente necessario, opportuno ed anelato, è quello in cui si dovrà e si vorrà celebrare, tutti assieme, gli ottimi risultati ottenuti. Non bisogna sottovalutare l'importanza delle celebrazioni: probabilmente, sono i momenti più belli della nostra vita, soprattutto quando sono il frutto del nostro lavoro ed impegno, piuttosto che un anniversario o qualcosa del genere, perché magari nella nostra celebrazione non ci sono obblighi ma piuttosto una ferma e decisa volontà di riconoscere i nostri risultati, concreti, e quindi di stimarci anche meglio e avere voglia di ricominciare il ciclo virtuoso.

Vuoi ottenere un'informazione? Vuoi formularci un quesito o richiedere un chiarimento? Puoi procedere online, cliccando i bottoni qui in basso.

I dati personali inviati ed ogni altra informazione sono tutelati dal pieno rispetto della legge ai sensi dell'articolo 13 del Dlgs N.196/2003 sulla privacy e per nessuna ragione verranno ceduti a terzi.

 
L'opinione degli italiani
Un consenso sempre più difficile.
Il dibattito entra in casa.
Iniziativa pubblica o privata?
Professione precario.
Il benessere dei giovani.
Le opportunità per gli anziani.
Quali sono le azioni più urgenti?
Chi fa le regole etiche?
Questo piccolo grande amore.
La Chiesa è meno dogmatica?
Analizziamo le regole sportive.
   
Meritocrazia per crescere
Cosa ci motiva a fare meglio?
Come fai un colloquio di selezione?
Come gestire la performance?
La meritocrazia fa bene alla motivazione?
Gli incentivi producono risultati?
Cosa chiedere in un'indagine sul clima aziendale?
Posso incentivare il ragioniere?
Mi manda quel report aggiornato?
Cosa intendi fare e quanto spesso?
E ora, a chi e come glielo dico?
Faccio anche questo da solo?
 
PrimoPosto MERITOCRAZIA
Motivazione
  Selezione e Inserimento
  Performance Management
  Meritocrazia
  Programmi Motivazionali
  Ricerche e Indagini
  Funzioni e Settori
  Sistemi Informativi
  Pianificazione
  Marketing e Comunicazione
  Consulenza
 
CONSIGLI E CONSULENZE
Sei un privato?
  Sei un'azienda?
  Sei un'istituzione?
  Nuovi Programmi
  Costi e Donazioni
  Quesiti e risposte
  Passaparola
 
ALVostroPosto
Chi Siamo
  Patrocini
  Registrazione
  Contributi e Idee
  Contatti
  Copyright
  Newsletter
 

SEMPREVERDI
   
Vendite telefoniche

Stufi delle vendite telefoniche?

   
Etica e religione

Peccato è reato? C'è etica senza religione?

   
Liberalizzazioni

Le liberalizzazioni sono realmente realizzate?

 
  Copyright 2006 Antonio Loffredo. Tutti i diritti riservati. Privacy  |  Copyright