Indirizzo email  (nuovo utente?)
Password  (dimenticata?)
RICERCHE
Politica
  Attualità
  Economia
  Lavoro
  Giovani
  Anziani
  Ambiente
  Etica
  Amore
  Religione
  Sport
 
PARTECIPA    (perchè?)
Nota metodologica
  Registrazione
  Newsletter
  Passaparola
  Segnala un tema
  Privacy
  Copyright
 

IN PRIMO PIANO
   
Destra e sinistra

Che distanza c'è oggi tra destra e sinistra?

   
Leadership

Le scelte del leader sono condivise? La frammentazione continuerà?

   
Il consenso

Come si può esprimere il proprio consenso o dissenso?

   
Politica?

Politica è scuola, sanità, fisco, oppure altro?

 
DOSSIER
   
I giovani

I giovani sostengono gli anziani o viceversa?

   
Pubblico e privato

Come assicurare il controllo produttivo e l'innovazione?

 
Home                Opinioni                Registrazione                Passaparola                MERITOCRAZIA

 
Aiutaci (min 1€) a sviluppare questo progetto
Consulenza

Senza pretendere di conoscere tutto dei processi aziendali, dei metodi di gestione del personale o dei sistemi informativi oggi disponibili, pensiamo che la gestione della performance vada applicata in ogni situazione e possa essere disegnata al meglio da persone con grande esperienza. Rivolgersi ad un consulente è sempre un atto di umiltà, e l’umiltà è una delle qualità più apprezzate in una persona, ma anche all’interno di un’organizzazione.

E’ chiaro che la competenza del consulente deve essere dimostrata nel concreto. Ci sono, ad ogni modo, anche altri fattori importanti che fanno della consulenza uno strumento molto spesso opportuno ed efficace. Oltre alla competenza prodotta dall’esperienza, ad esempio, un fattore importante è l’indipendenza nel giudizio. Sovente, il disegno di un programma comporta delle scelte e, benché, la decisione finale spetta al management di un’azienda, l’indipendenza del consulente permette di non tralasciare alternative che potrebbero poi rivelarsi importanti.

Un bravo consulente è anche in grado di applicare una grande coerenza alle analisi della situazione e alle proposte di un programma motivazionale. Infatti, occorre coerenza nel metodo progettuale, coerenza nella valutazione dei contributi dei collaboratori e nella definizione degli incentivi, coerenza nella pianificazione del programma. Il consulente può anche instillare, da un lato un certo rigore applicativo e dall’altro una tendenza ad osservare le cose con un senso creativo, se non in certi casi ludico. Un bravo consulente è un’artista rigoroso.

Al consulente può essere lasciato, volendo, anche il compito di lanciare il programma, seguirne la realizzazione, animare gli eventi di controllo e celebrazione, e così via. Ad esempio, può essere importante fissare degli interventi regolari per la verifica ed eventuale revisione del piano. Oppure il consulente può intervenire per spiegare come rendere più produttivo, efficace ed efficiente il programma stesso strada facendo, anche in momenti di crisi o al di fuori del piano originario.

Il successo di un programma, come sappiamo, dipende in fin dei conti da tre cose. Una buona conoscenza di tutti gli aspetti importanti, di tutte le sue caratteristiche, se pensiamo al programma come un prodotto o un servizio. Poi, dalla pianificazione e realizzazione con metodo, coerenza e focalizzazione sugli elementi chiave, diciamo con il giusto rigore. Infine, e questo è l’aspetto più importante, dopo tutto, ci vuole passione, che si traduce in entusiasmo, eccitazione e soprattutto nella ferma convinzione che il programma possa funzionare e produrre i benefici anelati.

Vuoi ottenere un'informazione? Vuoi formularci un quesito o richiedere un chiarimento? Puoi procedere online, cliccando i bottoni qui in basso.

I dati personali inviati ed ogni altra informazione sono tutelati dal pieno rispetto della legge ai sensi dell'articolo 13 del Dlgs N.196/2003 sulla privacy e per nessuna ragione verranno ceduti a terzi.

 
L'opinione degli italiani
Un consenso sempre più difficile.
Il dibattito entra in casa.
Iniziativa pubblica o privata?
Professione precario.
Il benessere dei giovani.
Le opportunità per gli anziani.
Quali sono le azioni più urgenti?
Chi fa le regole etiche?
Questo piccolo grande amore.
La Chiesa è meno dogmatica?
Analizziamo le regole sportive.
   
Meritocrazia per crescere
Cosa ci motiva a fare meglio?
Come fai un colloquio di selezione?
Come gestire la performance?
La meritocrazia fa bene alla motivazione?
Gli incentivi producono risultati?
Cosa chiedere in un'indagine sul clima aziendale?
Posso incentivare il ragioniere?
Mi manda quel report aggiornato?
Cosa intendi fare e quanto spesso?
E ora, a chi e come glielo dico?
Faccio anche questo da solo?
 
PrimoPosto MERITOCRAZIA
Motivazione
  Selezione e Inserimento
  Performance Management
  Meritocrazia
  Programmi Motivazionali
  Ricerche e Indagini
  Funzioni e Settori
  Sistemi Informativi
  Pianificazione
  Marketing e Comunicazione
  Consulenza
 
CONSIGLI E CONSULENZE
Sei un privato?
  Sei un'azienda?
  Sei un'istituzione?
  Nuovi Programmi
  Costi e Donazioni
  Quesiti e risposte
  Passaparola
 
ALVostroPosto
Chi Siamo
  Patrocini
  Registrazione
  Contributi e Idee
  Contatti
  Copyright
  Newsletter
 

SEMPREVERDI
   
Vendite telefoniche

Stufi delle vendite telefoniche?

   
Etica e religione

Peccato è reato? C'è etica senza religione?

   
Liberalizzazioni

Le liberalizzazioni sono realmente realizzate?

 
  Copyright 2006 Antonio Loffredo. Tutti i diritti riservati. Privacy  |  Copyright